Il 44% prevede di lasciare somme di denaro "significative" ai propri animali domestici

momento della lettura 2 verbale

La ricerca ha dimostrato che il 44% dei proprietari di animali domestici prevede di lasciare una notevole quantità di denaro per garantire che il proprio animale domestico venga curato dopo la morte.

Pet Business afferma che in media i proprietari di animali domestici pianificano di lasciare 3,642 sterline in fiducia per il loro cagnolino, moggie o altro animale, secondo la ricerca condotta dagli avvocati di Simpson Millar. Ciò si confronta con una mediana di £ 11,000 che viene lasciata ai parenti più prossimi. I dati di Statista rivelano che ci sono circa 51 milioni di animali domestici nel Regno Unito, quindi se tutti lasciassero l'importo medio a Fido ecc. Nel loro testamento, la somma ammonterebbe a 81.7 milioni di sterline.

La ricerca di Simpson Millar ha dimostrato che quasi uno su 10 (9%) dei proprietari di animali domestici afferma che lascerà più di 10,000 sterline per il benessere del proprio animale, con tre su sei (6%) che affermano che i loro animali trarranno beneficio dalla melodia di più di £ 20,000.

Creazione di trust

Secondo le leggi sull'eredità del Regno Unito, il denaro non può essere lasciato direttamente agli animali domestici. Tuttavia, se viene istituito un trust, un beneficiario selezionato può accedere a quel denaro per prendersi cura di un animale domestico.

Tra le generazioni, i giovani (18-24 anni) sono i più propensi a lasciare denaro ai loro animali domestici (70%), ma quelli nella fascia di età superiore ai 65 anni sono i più generosi. Oltre ai trust per i loro animali domestici, i proprietari di animali domestici prevedono anche di lasciare una media di £ 1,717 a enti di beneficenza per animali domestici.

Circa un terzo dei proprietari di animali domestici (31%) ha intenzione di lasciare il proprio animale ai propri figli, uno su cinque desidera lasciare il proprio animale domestico al proprio partner e solo quattro su 100 afferma che lascerà il proprio animale domestico a un ente di beneficenza che lo trasferirà in casa.

Il 20% non ha pensato a chi si prenderà cura dei propri animali domestici

Certo, alcuni proprietari non hanno messo in atto piani. La ricerca ha mostrato che un proprietario su cinque (21%) non ha pianificato di lasciare soldi per prendersi cura dei propri animali domestici e il 20% non ha ancora pensato a chi si prenderà cura dei propri animali domestici dopo la loro morte.

Si pensava che il gatto più ricco del mondo fosse un gatto nero di nome Blackie che ereditò 7 milioni di sterline nel 1988 quando morì il proprietario del suo antiquario, Ben Rea. Si suppone che Oprah Winfrey abbia provveduto ai suoi cani, per un totale di 30 milioni di dollari.

Finders International rintracciare i beneficiari mancanti a tenute, proprietà e beni. Per vedere un elenco completo di i nostri servizi, visita il nostro portale dedicato. In alternativa, puoi contattarci tramite telefono +44 (0) 20 7490 4935 o e-mail [email protected]