Il patrimonio di un dipendente che si è ucciso non ha diritto al risarcimento dei lavoratori attraverso l'assicuratore, secondo un recente articolo negli Stati Uniti Diario di assicurazione.

La giornalista Elizabeth Blosfield ha riferito che la Corte suprema del New Hampshire aveva affermato una decisione della commissione per i ricorsi del New Hampshire (CAB) in cui il consiglio aveva negato la richiesta della tenuta. La petizione è stata presentata dalla vedova dell'impiegata, Linda Quinn, il cui marito William Quinn è morto a causa di "intossicazione acuta da effetti combinati di eroina e ossicodone".

La signora Quinn aveva fatto appello alla decisione iniziale del CAB in cui negavano la richiesta della tenuta per il Centro per i diritti della disabilità del New Hampshire e il suo assicuratore, la compagnia di assicurazione reciproca Liberty, versava le prestazioni sociali ai lavoratori.

Incidente sul lavoro

In 2012, il signor Quinn è stato coinvolto in un incidente sul lavoro. Si è fratturato la caviglia e ha sofferto di dolore cronico a causa degli interventi chirurgici a cui è stato sottoposto. Successivamente gli è stata diagnosticata una complessa sindrome del dolore regionale, e gli sono stati pagati i sussidi di compensazione attraverso la mutua Liberty per la sua lesione e il trattamento per essa.

Se hai bisogno di polizze assicurative per garantire la tranquillità durante l'esecuzione o l'amministrazione di una proprietà quando non è possibile rintracciare specifici eredi in una proprietà, il nostro accordo di auto-approvazione con Aviva può aiutare. Per saperne di più qui.

Il corpo di Mr Quinn è stato scoperto da sua moglie nel gennaio 2016. Una scodella di pillole schiacciate, una cannuccia, una bottiglia mezza piena di vino, una piccola scatola nera con un'altra cannuccia, bottiglie di medicinali senza etichetta e una contenente ossicodone furono scoperte nelle vicinanze. Sulla bottiglia di ossicodone mancavano circa le pillole di 70 secondo i documenti del tribunale.

Il medico legale ha concluso che la morte del signor Quinn è avvenuta a causa di un "abuso acuto di sostanze" e che aveva assunto abbastanza eroina e ossicodone in quantità sufficienti per far sì che ciascuno di loro lo avesse ucciso da solo.

Morte causata da intossicazione

La tenuta del sig. Quinn ha presentato la domanda di risarcimento; tuttavia, Liberty Mutual ha negato il reclamo. La tenuta ha quindi chiesto un'audizione presso il Dipartimento del Lavoro del New Hampshire. Anche loro hanno negato il reclamo, che è stato poi fatto appello al CAB in 2018. Il CAB ha concluso che un datore di lavoro non poteva essere ritenuto responsabile per eventuali lesioni causate in parte o totalmente da intossicazione. Scoprì che la quantità di ossicodone ingerita dal signor Quinn era "incoerente" con la sua dose prescritta e che l'eroina era illegale ai sensi della legge federale e del New Hampshire, e non faceva parte del suo trattamento del dolore prescritto.

L'ingestione intenzionale dell'uomo di tali grandi overdose costituiva una "cattiva condotta grave e intenzionale" non correlata al suo infortunio sul lavoro, e negava l'affermazione che poi andò in appello.

L'eredità del sig. Quinn ha sostenuto che la sua morte è dovuta a un infortunio sul lavoro compensabile e che il pregiudizio sul lavoro ha portato alla dipendenza o all'abuso di sostanze e, infine, alla sua morte.

Il Disability Rights Center (RDC) ha sostenuto che l'ingestione intenzionale del sig. Quinn non era stata prescritta e questo fattore interveniente indipendente "ha rotto il legame tra la sua ferita e la sua morte". Inoltre, un caso precedente ha affermato che un comportamento post-infortunio da parte di un dipendente può comportare la limitazione o la risoluzione dei pagamenti delle prestazioni.

La Corte suprema ha concordato con l'argomento della RDC e con la sua negazione delle indennità dei lavoratori.

Finders International traccia i beneficiari mancanti a proprietà, proprietà e beni. Per maggiori informazioni, visita il nostro sito web, chiamaci su + 44 (0) 20 7490 4935 o scrivici a [Email protected]