Il cane da guardia della concorrenza sbatte i costi funerari

La principale autorità britannica per la concorrenza e il consumatore ha affermato che la portata degli aumenti dei prezzi dei funerali "Al momento non sembra essere giustificato da aumenti dei costi o miglioramenti della qualità".

L'Autorità garante della concorrenza e dei mercati (CMA) ha chiesto un'indagine su vasta scala della questione, che potrebbe portare i direttori di pompe funebri ad essere costretti ad abbassare i loro prezzi. Le affermazioni arrivano dopo uno studio di mercato di sei mesi condotto dalla CMA nel settore funerario sei mesi fa. Lo studio indica problemi con il mercato che hanno portato ad aumenti dei prezzi sopra l'inflazione per oltre un decennio.

Un'indagine di mercato sarebbe condotta da un gruppo indipendente di membri del panel della CMA.

In generale, le persone spendono tra £ 3,000 e £ 5,000 per organizzare un funerale. Il prezzo degli elementi essenziali è aumentato di oltre due terzi negli ultimi dieci anni, che è quasi il triplo del tasso di inflazione. Organizzare un funerale ora costa alle persone con il reddito più basso quasi il 40 delle loro uscite annuali e più di quanto spendono in cibo, vestiti ed energia tutti insieme.

Prezzi più alti

Il rapporto aggiunge che le persone potrebbero risparmiare più di $ 1,000 guardando ad altre scelte nella loro area locale, ma organizzare un funerale significa che le persone sono solitamente in difficoltà e non in grado di farlo, rendendo più facile per alcuni direttori di pompe funebri di caricare prezzi più alti . I prezzi non sono spesso disponibili online, quindi è difficile da confrontare.

La CMA dice che alcune delle più piccole compagnie di pompe funebri hanno cercato di mantenere bassi i loro prezzi, ma le catene più grandi, in particolare, hanno attuato politiche di aumento dei prezzi costantemente su base annua. Mentre alcuni di loro hanno introdotto opzioni funebri a basso costo, non vanno abbastanza lontano da compensare anni di aumenti dei prezzi sopra l'inflazione. La ricerca della CMA indica anche che la maggior parte delle persone che organizzano un funerale "rimangono estremamente vulnerabili allo sfruttamento e aumenti futuri delle accuse".

Al momento, le cremazioni costituiscono il 77 percento dei funerali, ma ci sono scelte limitate per la maggior parte delle persone nella loro area locale. Le tariffe applicate dai crematori sono aumentate del 84 per cento negli ultimi dieci anni, più di tre volte il tasso di inflazione.

Protezione in un momento vulnerabile

Andrea Coscelli, amministratore delegato della CMA, ha dichiarato: "Le persone che piangono la perdita di una persona cara sono estremamente vulnerabili e rischiano di essere sfruttate. Dobbiamo assicurarci che siano protetti in un momento così emozionante e siamo molto preoccupati per gli aumenti sostanziali dei prezzi dei funerali negli ultimi dieci anni.

"Ora riteniamo che siano necessari i pieni poteri di un'indagine di mercato per affrontare i problemi che abbiamo riscontrato. Vogliamo anche ascoltare le persone che hanno sperimentato cattive pratiche nel settore, in modo da poter intraprendere qualsiasi azione necessaria per risolvere questi problemi ".

Danny Curran, Finders International's fondatore e amministratore delegato, ha aggiunto: "Le scoperte della CMA sono scioccanti, ma non sono notizie per noi. Sappiamo che molte persone lottano con i costi di un funerale; un ulteriore stress quando si tratta di un evento tragico.

"Il peso dei costi funerali è stato ciò che ci ha spinto a creare il Finders International Funeral Fund, dove sovvenzioniamo il costo di un funerale di sanità pubblica di qualcuno che muore nelle cure dell'autorità locale e che non sembra avere alcuna proprietà o un parente che possa pagare per il funerale. Puoi leggere per il servizio qui. "