Le norme culturali e i valori religiosi dovrebbero influenzare chi eredita cosa? Un recente articolo sul abovethelaw.com sito web ha esplorato un caso nella British Columbia, in Canada, in cui quattro sorelle hanno contestato un testamento in cui erano state lasciate 1.7 per cento del patrimonio dei loro genitori, rispetto ai loro due fratelli che avevano ricevuto 93 per cento tra di loro.

La proprietà valeva $ 6.8 milioni di dollari e il mese scorso, la Corte Suprema della Columbia Britannica ha assegnato a ciascuna sorella $ 1 milioni, ribaltando la volontà e facendo in modo che ciascuno condividesse il 15 percento, con i fratelli che ricevevano ciascuno il 20 percento invece di quanto inizialmente specificato.

La sfida all'ultima volontà e al testamento si basava sulla "preferenza basata sulla tradizione". Nella British Columbia, il Wills Estates and Succession Act (WESA) ha una disposizione che significa che le sorelle potrebbero sfidare la volontà del loro genitore a causa della disparità di trattamento basata sul loro sesso.

È necessario chiudere i conti bancari e di investimento all'estero per realizzare il valore di un patrimonio? Finders International può aiutarti. Scopri di più qui.

Norme culturali

In alcune sezioni della società, alcuni genitori sostengono che è una norma culturale trattare i loro figli e le loro figlie in modo diverso da una volontà, e che ciò dovrebbe essere consentito. Secondo l'articolo abovethelaw, è diventato un problema ricorrente nella Columbia Britannica, in particolare tra la popolazione dell'Asia orientale.

La famiglia in questione possedeva una fattoria. La volontà dei genitori non spiegava perché i fratelli dovevano ricevere la maggior parte della proprietà, ma in precedenti documenti legali relativi alla fattoria, il padre faceva riferimento all'usanza di lasciare la proprietà solo ai figli. Nonostante non abbia menzionato lo squilibrio nella volontà, il tribunale della Columbia Britannica ha affermato che la distribuzione della tenuta "è molto al di sotto degli standard morali della società canadese" e che uomini e donne dovrebbero essere trattati allo stesso modo.

Nessun riferimento di relazione non riuscito

Le figlie avevano affermato che la volontà non si riferiva a ragioni della discrepanza come una relazione fallita tra loro o i loro genitori o delusione, in quanto ciò può essere usato come motivo di diseredazione. Le opinioni culturali erano ciò che si applicava, e quindi le figlie potevano obiettare alla volontà. La ridistribuzione significava che i fratelli ricevevano ancora più delle sorelle come un cenno al credo culturale dei genitori.

Abovethelaw ha commentato che il caso ha messo in luce la complessità dei problemi che sorgono nella pianificazione immobiliare grazie alle differenze culturali e religiose. L'articolo si riferiva alla "primogenitura"; il diritto per legge o costume per il figlio primogenito di ereditare l'intera proprietà dei suoi genitori, vista attraverso le monarchie nel corso dei secoli. La pratica potrebbe venire dal Libro del Deuteronomio, che si riferisce al fatto che il padre riconosca il primogenito e gli dia una doppia partecipazione a tutto ciò che possiede.

Finders International traccia i beneficiari mancanti a proprietà, proprietà e beni. Per maggiori informazioni, visita il nostro sito web, chiamaci su + 44 (0) 20 7490 4935 o scrivici a [Email protected]