Truffe ereditarie tra quelle segnalate dagli studi legali

momento della lettura 3 verbale

Studi legali e altri professionisti in tutti i settori dell'industria legale sono stati bombardati da truffe negli ultimi mesi, secondo un articolo in Testamenti e successi di oggi.

Il Solicitors Regulation Authority (SRA) ha segnalato un picco di avvisi di truffa. Da luglio a settembre 2020, circa il 50% delle truffe dell'anno è stato inviato, di cui il 20% ha raggiunto le caselle di posta ecc., Solo nel mese di settembre.

La SRA ha riferito che un giorno ci sono stati sei avvisi di truffa separati che impersonavano studi legali e un professionista. La maggior parte degli avvisi ha affermato falsamente di provenire da uno studio legale, con uno di un falso professionista che afferma di provenire da quello studio.

Eredità non reclamata

In un avviso pubblicato in ottobre, un'e-mail che affermava falsamente di provenire da Freeths LLP, diceva al destinatario che avevano diritto a un'eredità presumibilmente non reclamata. L'e-mail presumibilmente proveniva da un "Ian Bowler, avvocato" e si diceva che l'eredità non reclamata provenisse da un signor Craig, Craig Klimek, Craig Williams o Craig Brower.

Sempre a ottobre, in tre giorni è stata inviata una raffica di e-mail truffa.

La SRA ha cercato di reprimere le attività fraudolente segnalando truffe e-mail e furti d'identità di siti web. Ha unito le forze con National Cyber ​​Security Center (NCSC) esortare gli studi legali e altri professionisti del diritto a stare in guardia mentre i truffatori prendono di mira sempre più i lavoratori remoti.

Più a rischio di attacchi informatici

Un recente rapporto del Ponemon Institute e Keeper Security ha rilevato che le aziende del Regno Unito sono maggiormente a rischio di attacchi informatici a causa delle continue sfide presentate dalla maggior parte delle persone che devono lavorare da remoto a causa della pandemia globale di Covid-19.

Il rapporto ha mostrato che il 60% degli intervistati ha affermato che la propria attività è stata colpita da un attacco informatico. Quasi un terzo delle aziende prese di mira (32%) ha riferito che la causa degli attacchi è dovuta a dispositivi compromessi o rubati, mentre il 57% ha ritenuto che il proprio budget per la sicurezza IT non fosse sufficiente per gestire i rischi quando così tante persone lavoravano da casa.

Danny Curran, il direttore fondatore e CEO di Finders International, ha dichiarato: “Finders International è orgogliosa di essere il primo membro di una società di ricerca di successione Amici contro truffe, l'organizzazione nazionale che consente alle persone di prendere posizione contro le truffe, che si ritiene costino all'economia del Regno Unito tra i 5 ei 10 miliardi di sterline all'anno e si rivolgono al 53% delle persone di età superiore ai 65 anni.

“Le false e-mail che affermano che il destinatario è l'erede legittimo di un patrimonio non rivendicato sono molto pericolose e possono portare alla perdita di centinaia se non migliaia di sterline. Invitiamo le persone a indagare su tali e-mail o telefonate. I truffatori cercheranno di ingannare le persone con documenti o siti web appariscenti e dall'aspetto ufficiale con l'obiettivo di persuadere le persone a inviare loro una commissione di elaborazione o amministrazione, o pagare i costi postali o assicurativi o fare una telefonata a tariffa maggiorata ".

Finders International ha diversi accreditamenti relativi alla sicurezza delle informazioni, inclusa la certificazione ISO 27001 per i sistemi di gestione della sicurezza delle informazioni, offrendo ai nostri clienti la rassicurazione che osserviamo le procedure di best practice.

Finders International è una premiata società di ricerca sulle successioni. Le nostre normative e credenziali includono il IAPPR, Friends Against Scams, siamo partner APSE approvati e siamo la prima società di ricerca di successione ad essere approvata dal Chartered Trading Standards Institute (CTSI). Per un elenco completo dei nostri Credenziali, visita il nostro sito Web qui. In alternativa, puoi chiamare +44 (0) 20 7490 4935 o inviare un'e-mail [email protected]