Solo il sei percento delle persone ha incluso specificamente i propri beni digitali nelle proprie volontà, secondo uno studio legale di Londra e Watford che quest'anno ha intervistato i propri clienti.

VWV di un sondaggio ha rilevato che esiste una diffusa confusione su quali diritti le persone hanno sui loro beni digitali, anche se quasi tutti gli adulti nel Regno Unito li possiedono ora. In un articolo nel Watford Observer, Megan Seabourne, un partner dell'azienda, ha spiegato quali sono le risorse digitali. Questi includono account di posta elettronica, social media, fotografie archiviate online, documenti digitali e criptovalute.

Ma come fa una persona a trasferire risorse digitali o garantire che qualsiasi "valore" non venga perso o abusato dopo la sua morte?

Aggiornamenti per includere risorse digitali

Nel sondaggio VWV, oltre il 65 percento di coloro che hanno espresso testamento hanno dichiarato di aver pianificato di aggiornarlo per includere le risorse digitali. Seabourne ha spiegato che è una buona idea fare riferimento ai tuoi beni digitali in un testamento, ma ciò non significa che saranno trasmessi ai tuoi eredi come desideri.

Un problema importante è che la legge che copre le risorse digitali e il modo in cui vengono gestite non è riuscita a tenere il passo con il cambiamento degli sviluppi della tecnologia. Quindi, mentre potrebbe essere sensato nominare qualcuno come il tuo gestore di risorse digitali in qualsiasi cosa tu faccia, ciò non copre ciò che faranno i fornitori di contenuti digitali, ovvero accettano una terza parte che prende il controllo di tali risorse, specialmente quando un tale appuntamento potrebbe essere aperto a tutti i tipi di abuso?

Un gestore di risorse digitali richiederebbe il consenso per la possibilità di reimpostare le password, ad esempio, o di ricevere informazioni.

Sebbene esistano tali considerazioni, Seabourne è ancora desiderosa di rafforzare il messaggio secondo cui chiunque faccia testamento dovrebbe pensare ai propri beni digitali e a ciò che vogliono accadere loro dopo la loro morte. Al momento, l'unico modo pratico per eseguire questa operazione è trasmettere i dettagli di accesso. Ciò, tuttavia, potrebbe violare gli accordi degli utenti con i fornitori.

L'imposta sulle successioni si applicherà alle attività digitali che hanno valore finanziario se un patrimonio supera la soglia attuale a fini fiscali. Quindi libri o musica pubblicati su siti di streaming e le loro vendite verrebbero aggiunte al valore di una tenuta.

Se sei nella professione legale nel Regno Unito, Finders International può individuare i documenti mancanti in modo da poter distribuire un patrimonio ai beneficiari legali. Questi possono includere certificati di nascita, matrimonio o morte, copie di testamenti, borse di studio o lettere di amministrazione e copie di decreti assoluti. Scrivici via [Email protected] scoprire di più.