L'archivio di Tony Benn donato - e l'imposta di successione evitata

Le notizie di questa settimana hanno incluso una storia su come l'archivio di Tony Benn è stato donato alla British Library sotto l'accettazione al posto dello schema di imposta sulle successioni.

L'affascinante collezione di archivi fu accumulata dall'ex politico di sinistra che morì in 2014 durante la sua vita. Include un diario che ha iniziato in gioventù, e poi abbraccia il resto della sua vita. La collezione di archivi è descritta come "una notevole raccolta di materiale di partenza che riflette la storia del Regno Unito in questo periodo".

Mr Benn è stato un deputato per gli anni 47 ed è stato ministro del gabinetto sotto i governi di Harold Wilson e James Callaghan degli 1960 e degli 70. Quando ereditò un peerage quando suo padre morì in 1960, in seguito rinunciò al titolo per poter rimanere nella Camera dei Comuni. Ciò ha portato al Peerage Act di 1963, che ha permesso ad altri di rinunciare ai titoli ereditari.

Stop the War coalition

Quando lasciò il parlamento in 2001, divenne presidente della coalizione Stop the War, una posizione che mantenne fino alla sua morte in 2014.

L'archivio contiene molti contenuti audio e video, incluse migliaia di ore di registrazione delle impressioni non modificate di Mr Benn. La British Library ritiene che ciò lo renderà di valore esclusivo per i biografi e che i ricercatori guardino alla politica e al governo del Regno Unito.

Nei giornali di destra, è stato fatto molto del fatto che la donazione è stata fatta al posto della tassa di successione. Si dice che l'archivio valga più di £ 500,000. In 1983, Benn ei suoi laburisti hanno fatto una promessa del manifesto che stabiliva che le tasse sul capitale sarebbero state utilizzate per ridurre "le enormi disuguaglianze nella ricchezza ereditaria". L'accollo in regime sostitutivo comporta l'imposta di successione a carico familiare sotto forma di "importanti oggetti e archivi culturali, scientifici o storici".

'Grande dono alla nazione'

Rachel Foss, responsabile degli archivi e dei manoscritti contemporanei alla British Library, ha detto che l'archivio era un "grande dono per la nazione" e che la biblioteca non vedeva l'ora di renderla disponibile attraverso le sale di lettura di St Pancras.

I consiglieri della tenuta di Tony Benn hanno detto: "Era il desiderio di Tony Benn che i suoi documenti politici e personali andassero alla British Library. Questa decisione significa che il suo archivio unico sarà ora disponibile per il pubblico, accademici e giornalisti che vogliono capire di più sulla sua vita e sul periodo di politica coperto. "