I testamenti contestati aumentano e la pandemia probabilmente la farà aumentare ulteriormente

momento della lettura 2 verbale

Il numero di testamenti contestati ascoltati presso l'Alta Corte ha raggiunto il record assoluto lo scorso anno e gli esperti stimano che il numero aumenterà, grazie alla pandemia di coronavirus.

Un articolo in I tuoi soldi citato dal ministero della Giustizia, che ha rivelato che nel 2019 sono stati intentati 188 casi da persone che hanno affermato di avere diritto a una quota oa una quota maggiore di un patrimonio.

Questa cifra era 128 nel 2018 e 145 nel 2017. Il record precedente era 158 nel 2016. Gli esperti legali ritengono che il blocco in risposta alla pandemia aumenterà ulteriormente queste cifre nel 2020 perché i testamenti dovevano essere firmati tramite finestre o tramite videochiamate, il che può portare a domande su influenza e capacità indebite.

Ulteriori sfide su tutta la linea

Gli avvocati avvertono inoltre che la recessione finanziaria porterà a maggiori sfide poiché le persone perdono lavoro e denaro.

Parlando I tuoi soldi, Philip Collins, il capo della squadra delle proprietà contestate a Winckworth Sherwood, hanno affermato di non essere affatto sorpresi dalla notizia e si aspettavano che il numero aumentasse ulteriormente, sebbene la stragrande maggioranza dei casi non raggiunga mai i tribunali e la maggior parte viene risolta prima dell'inizio del procedimento.

Finders International's Servizi di supporto legale includono ricerche per testamenti mancanti, beni non reclamati, saldi dormienti, documenti richiesti e assegni per bancarotta in tutto il mondo.

Ha aggiunto che le affermazioni riguardanti una proprietà immobiliare erano "straordinariamente angoscianti" per tutte le persone coinvolte e potenzialmente molto costose, e ha esortato le persone a provare la mediazione come un modo per risolvere il problema.

Lo Articolo YourMoney citato anche matrimoni ritardati era una potenziale causa di un picco di testamenti contestati. Un'app di pianificazione di matrimoni con sede a Londra ha condotto uno studio e ha rilevato che il 64% dei matrimoni nel 2020 sarà interessato da rinvii, cancellazioni o restrizioni di viaggio.

Poca disposizione per le coppie conviventi

Con l'allentamento dei blocchi in Inghilterra dal 4 luglio, si sono tenuti circa 30 matrimoni, ma ulteriori blocchi locali o nazionali potrebbero causare ulteriori ritardi e cancellazioni. Se una metà della coppia muore prima di essere in grado di sposarsi, ciò potrebbe causare problemi al partner previsto, specialmente se la persona che muore non ha una Volontà valida in quanto vi è poca disposizione nella legge inglese per le coppie conviventi.

Potrebbero sorgere problemi se ci sono legami familiari complicati, come figli di altre relazioni o altri membri della famiglia. Gli esperti dicono che un modo per aggirare questo sarebbe quello di redigere un accordo di convivenza, o un testamento preparato "in considerazione del matrimonio", che non avrebbe bisogno di essere aggiornato di nuovo una volta che la coppia si fosse sposata.